fbpx

Nuova linea per la cura dei capelli “Julien Farell”

È ora di pranzo c'è il sole della mezza stagione, ma la mezza stagione sbagliata. Insomma, è autunno ma sembra primavera e fa un gran caldo. Eppure Julien Farel, nella top threedegli hairstylist più famosi al mondo, sembra vivere su un fuso proprio e, soprattutto, nella stagione giusta. Ordina una cioccolata (calda, of course) come se fosse a pattinare al Rockfeeller Center di New York a Natale.

D'altronde è cittadino del mondo: nato in Francia ha poi realizzato il sogno americano. E lo ha fatto con tutti i crismi, dal vivere per terra a casa di amici ad avere un salone a Manhattan dove un taglio – mettetevi una mano sul cuore – arriva a costare mille dollari. Un trattamento da star e infatti, fra le sue fan, c'è gente come Olivia Palermo.

Se Julien Farel ce l'ha fatta è perché ha una qualità fondamentale per un parrucchiere: senti che di lui ti puoi fidare. Francese quanto basta, conosce perfettamente l'italiano grazie a “Una relazione con una ragazza di Romadurata cinque anni”.

Da lì Farel ci racconta come sia nato il suo progetto e, per farlo, inizia da un libro – L'Alchimista – che, diceessere la sintesi della sua vita. “Credo nelle leggi dell'attrazione, nell'essere attirato da ciò che è simile a me. Amo l'Italia, non a caso è da qui che viene l'acido ialuronico contenuto nei miei prodotti”.

Sì, avete letto bene parliamo proprio di uno di quegli attivi “supereroi” per la cura della pelle. Questo perché la linea firmata Julien Farel (in vendita su Qvc il portale per chi ama lo shopping che trovate sul canale 32 e sul sito omonimo) contiene 30 degli ingredienti chiave in fatto di skincare.

Elementi come il collagene marino, gli Omega 3 e, appunto, l'acido ialuronico fanno davvero la differenza”, ci spiega Ferdinand Gallinelli Vice President Of Sales Europe chez Julien Farel Group “Prendete per esempio il nostro Restore: non fa schiuma ('quella è per i piatti', ci dirà poco dopo Julien, ndrrispetta i capelli e ha un'azione anti age immediata. Ne abbiamo creato uno per ogni tipologia di capello ed è, di fatto, un trattamento tre in uno”.

La regola del tre è fondamentale nella filosofia Farel: isuoi prodotti sono come la trinità del trattamento poiché idratano, nutrono e proteggono. Una qualità, quest'ultima che deriva da una delle mille occupazioni di Julien ovvero prendersi cura delle teste (di serie) del tennis mondiale.

“Sono anni ormai che acconciamo i campioni degli US Open, gente che sta sotto il sole per delle ore e per questo ho aggiunto il fattore Spf ai miei prodotti. È così che sono diventato un grande amico di Nadal: sono stato io a tagliargli i capelli – da lunghi a corti – nel 2010, anno in cui vinse il Torneo”, ricorda l'hairstylist.

Che, in fatto, di taglio non ha dubbi: l'anno prossimo sarà nel segno del volume con un twist anni '60 alla Jackie Kennedy. “Amo le donne con le curve e lo stesso vale per i capelli, quelli 'piatti' non mi hanno mai conquistato”. E niente... Ve l'avevamo detto che era charmant.

Da Vogue.it

I commenti sono chiusi